Archive for ‘idee notturne’

giugno 10, 2011

Meno tre meno due meno uno…………… festaaaaaaaa

Per quest'anno è finito il mio lavoro serale… Si continua di *giorno*!!!!
E stanotte, festa in una casa di campagna con tutte le classi!!!!
E' stata a dir poco TERAPEUTICA!!!!

marzo 8, 2011

E viene la primavera…

Ho voglia di aria nuova.
E' stato un inverno lunghissimo: l'alluvione, la tristezza, gli infiniti giorni di pioggia, il freddo, …
Ho voglia di sole, di giorni lunghissimi pieni di luce, di passeggiate, di tramonti, di hobby, di amici.
Sono a casa da due giorni: due intere serate per me, oltre al sabato e alla domenica. E' una sensazione stranissima… Mi son resa conto di aver perso l'abitudine ad un momento tutto mio. Dopo un sacco di tempo sono uscita a mangiare una pizza con un'amica. Mi è parsa una cosa così strana… E allora ho preso una decisione. Ho deciso di far di tutto per non lavorare più la sera. In fondo, anche questa è una forzatura. Dove sono, mi trovo benissimo. Ma mi sento isolata, sempre più isolata. I miei studenti stanno sostituendo gli amici, e non è la stessa cosa. Sono circondata di gente, ma mi manca una birra intorno ad un tavolo, chiacchierando con le persone che mi conoscono "dentro" la mia vita.
Quest'anno per la prima volta non ho fatto l'abbonamento al cineforum, non sono andata a fare una passeggiata sotto la luna, non ho programmato una cena. Forse non è normale, ecco… Poi, però, ho paura di sentirmi sola, di non riuscire a dormire, di andare in crisi. Come faccio ad imparare di nuovo a vivere di giorno?! Accetto consigli… Ho altri 13 giorni di tempo per la domanda di trasferimento…
Nel frattempo, cerco di essere creativa (e non è che sempre mi riesca…).
Queste sono delle tendine "invernali" per la mansarda. Lasciano filtrare la luce, ma la tonalità scura non dona proprio (consiglio comunque di farle chiare, io avevo una vecchia ciniglia sul viola):

Questo invece è il progetto appena iniziato, per una maglietta traforata a maglia:

Questo qui è il dietro, la parte davanti è appena iniziata (vedi ferro appoggiato). Mi piace un sacco il motivo a scacchi, l'ho copiato e riadattato guardando qui:

http://digilander.libero.it/MarcellaMaglie2/puntitraf3.htm

Appena è finito, posto foto con il risultato…
 
 

settembre 22, 2010

Oltre al fatto che…

Seconda settimana di scuola, mentre intorno a me:
– le cavallette si stanno pappando le mie zinnie giganti e io non posso farci niente. Mia mamma ha invece adottato una linea vincente: le prende con una molletta per la biancheria sul dietro (ali, credo…) e poi sul davanti ne schiaccia la testa con un'altra molletta per la biancheria. Usa sempre le stesse mollette, così non ci son problemi di igiene per la biancheria. Io non faccio così, perché ci vuol tempo.
– crescono le scorte di tisana di tiglio. Io vorrei sapere chi ha messo nella stessa confezione la stessa immagine dei frutti di bosco… Qualcuno vuole una tisana di tiglio?!!!!! E' buona, sapete…
– aumenta la quantità di cose da stirare e da lavare. Nello stesso modo, aumenta la quantità di pagine da leggere (leggo più io dei ragazzi mi sa…)
– l'autunno, le belle giornate, l'aria cristallina e tutte ste cose….. LO SAPEVO CHE SAREBBE STATO COSi'!!!!!!

settembre 22, 2010

La seconda settimana di scuola

agosto 7, 2010

Il senso della vita

Eccomi qua, in un sereno sabato sera di agosto, per comunicarvi che finalmente ho scoperto il senso delle cose.
Premetto che chi mi ha preso per savia forse d'ora in poi non lo farà più :(.
Gli assiomi di tanta presa di coscienza sono fondamentalmente due, più un terzo non del tutto sicuro:
1. La mia vicina di casa, quella dell'ammorbidente, è una psicopatica.
2. Una delle mie migliori amiche è una psicopatica.
3. Forse anch'io sono una psicopatica.
Tanto per chiarire, è forse il caso di mettere in chiaro che non si tratta della santissima trinità: siamo tre persone distinte e non esiste proprietà transitiva.
Cerchiamo di approfondire la questione.
1) La mia vicina. Pazienza che non capisca il senso della parola "concentrato" e usi l'ammorbidente come se dovesse profumare il paese (io non mi sogno neppure di aprire le finestre…), ma ditemi voi come si possa in pieno agosto stare tutto il giorno e la sera chiusi in casa con lo stendino davanti la porta. La volta che esce, se la saluto, fa un salto visibilmente spaventata per essere stata sorpresa all'improvviso. Stiamo parlando di una di 26 anni, non 80!
2) La mia amica. Ecco, questo è il caso di una persona apparentemente normalissima, che si comporta da "vera" amica, nonostante qualche domanda di troppo (ma, si sa, noi donne siamo sempre curiose come le pettirosse…). Beh, ecco, ho scoperto per caso che mi racconta balle colossali… E l'ultima è talmente grossa da far saltare sulla sedia. Il fatto è che non capisco il motivo. E il fatto è che, se la cosa non fosse stata scoperta in modo assolutamente casuale, io non mi sarei mai sognata che fosse una balla… E ora, sinceramente, non so come comportarmi, se fare finta di niente o dirglielo; anche perché, in quest'ultimo caso, dovrei magari fare il nome della fonte, ma a me non va.
3) E arriviamo al punto più scottante, ovviamente legato al 2). Se io non mi sono accorta di una cosa del genere, vuol dire che… vuol dire che qualcosa in me non va. Questa persona ha molto spazio nella mia vita, è una di quelle persone a cui si confidano molte cose, e io sono abbastanza convinta che le abbia sempre tenute per sé. Però una persona che finge cose eclatanti e ti è fin troppo vicina può essere pericolosa. Ora mi rendo conto che, anzi, ho sviluppato una certa dipendenza, forse per l'assiduità del rapporto d'amicizia Però mi dico: e se la "fonte" non fosse stata bene informata? E se avesse sbagliato a riferirmi? Quindi decido di essere prudente, ma di non dire né fare niente per un po'.
Ho "paranoiato" abbastanza per stasera?????